sabato 3 marzo 2018

POESIA = RAFFAELE PIAZZA



"Alessia sulla neve"

Freddo bianco a pervadere
Alessia ragazza nel ridere
per la palla di neve a coglierla
sulla terra del viso. Impermeabile
azzurro cielo per Alessia
nell’accadere di gelo all’anima
di 18 grammi a rinfrescarla.
Neve tra i capelli e di Alessia
le ciglia dello sguardo lungo
ad arrivare alle tinte di un cielo
a fasce di luminosità evocata
da Dio a sorridere a ragazza
Alessia come una donna
e muta la scena ed è albereto
nel campo di neve e scia Alessia
con maestria e vince la gara
della vita.
*

"Alessia e il tentativo riuscito"

Deve saltare la palizzata ragazza
Alessia con il candido cavallo Raggio
e ha paura Alessia mentre fa l’amore
al maneggio nell’afrodisiaco fieno.
Poi nei jeans attillati si riveste
e il pullover azzurro cielo e a Giovanni
dà un liquido bacio e fa una carezza
nell’interanimarsi con l’aria tiepida
entrata dai cancelli di platino di marzo.
Prega il Rosario Alessia, corona tra
le mani affilate con la natura a contatto
dei fiori rosa confetto della festa
e molto d’erba verde e i pini centenari
dell’ossigeno ad ogni passo.
Poi monta con dei sedici anni
la grazia su del cavallo il bianco
e dal trotto al galoppo davanti
alla parete prima del salto chiude
degli occhi le feritoie Alessia,
lì riapre e l’ostacolo è saltato
e si ritrova Alessia ragazza a trottare
fino a di Giovanni gli occhi.
*

"Alessia felice nell’albereto"

Sera di firmamento d’inchiostro
nero infiorato da stelle – margherite
luce a entrare negli occhi di Alessia
e giungere a illuminarle d’immenso
di ragazza l’anima. Ride Alessia
come una donna, sedici anni – rose
la sua età. Si sporge dal balcone
sulle cose Alessia, il condominiale
albereto nel trarne gioia dal verde
delle piante irrorate dalla brina.
E vede gabbiani pari a sorrisi Alessia
e la luna nel pozzo dei desideri
di ragazza nel mutarsi in bianca
preghiera e così infinita esiste Alessia.
*

"Alessia osserva la luna piena"

Plenilunio su di Napoli
il mare per ragazza Alessia
nell’entrare il lucore nei
suoi occhi a bagnare di Alessia
di stella l’anima. Miete
luce Alessia nell’interanimarsi
il pensiero con le onde del
lungomare dove Alessia
ha acceso alla natura un cero.
Passa inaspettato Giovanni
e porta ad Alessia in dono
una di fragola pianta e osserva
Alessia la scena nell’entrare
nel rosso dei frutti sotteso
a vivissima gioia come d’albereto.
*

"Alessia modella"

Sinuosa e sensuale nell’abito
rosa fuxia cortissimo ragazza
Alessia al colmo della grazia
veste la vita sul telaio dei
giorni e gli indumenti per piacere.
Alessia è piaciuta a uno stilista
e ora sfila nell’attimo festivo
e scende scale a Trinità dei Monti.
Nel pubblico Alessia Giovanni
intravede a captarlo con gli occhi
stella e lui sorride orgoglioso
e con gli amici se la tira.
Alla fine nelle acque dello
spogliatoio arriva lui
con una rosa rossa a fare
felice Alessia colta da stupore.
*

"Alessia verso la primavera"

Piove il 3 marzo su Napoli
sottesa alla bellezza d’iridati
paesaggi e architetture mirabili
nell’interanimarsi con Alessia
pervasa da viva gioia nello scorgere
l’arcobaleno ora che non c’è
acqua dal cielo. Vede Mirta
Alessia nel giardino della villa
a danzare il suo flamenco
e c’è qualcosa di nuovo nelle
gemme della mimosa e del
melograno rosso di fiorevole
natura a rallegrare delle amiche
le anime ad angolo col mondo
nell’intessersi i bei pensieri
dove erano già venute.
*
Raffaele Piazza

3 commenti:

  1. Pioggia su Napoli, e dopo spunta l'arcobaleno, con grande gioia di Alessia. Appare Mirta nel giardino della villa, e si vedono le prime gemme ad annunciare la primavera.

    RispondiElimina
  2. La primavera ahimè è lontana... Quanta allegria in questa poesia!

    RispondiElimina
  3. Penso sia molto coinvolgente e significativa viva la primavera ancora molto lontana

    RispondiElimina