giovedì 29 marzo 2018

POESIA = RAFFAELE PIAZZA

"Alessia nella selva oscura"

Brillio del sole a inalvearsi
poco dove era già stata ragazza
Alessia, la selva oscura
del viaggio oltreterreno
da Mirta guidata. Ti porto
in cielo a rivedere le stelle
da un’altra prospettiva.
(così disse Mirta illuminata
anima di luce propria).
A poco a poco dopo il roveto
e la radura scorge Alessia
di Mirta il fidanzato Massimo,
morto suicida come l’amica
bruna e lo vede ridere beato
non nel tragico girone
del dantesco inferno.
Poi cammino di due ore
e Mirta e Alessia giungono
a Monte di Dio. (Ma non
è Napoli). Sconfinato infinito
immenso anelito prima
della felicità e Giovanni
arriva sorridente e bacia
Alessia. S’intravede una
scritta in cielo (Pace).
*

"Alessia festeggia"

Felice Alessia nella luce
della domenica di Pasqua
nell’anima a entrarle
e illuminarla d’infinito.
Guarda ragazza Alessia
Giovanni negli occhi
e legge amore nell’ebbrezza
del tempo ripetuto della
vita di Alessia dopo dell’alba
le frontiere per entrare
nella città del giorno.
Piove un battesimo del cielo
e Alessia pensa a Mirta stupefatta
nell’interanimarsi al sogno.
*

"Alessia e la Pasqua 2018"

Sottesa al tempo mite
attimo d’infinito e poi
aprile sta in limine alla
vita Alessia in attesa di
Pasqua e del ciclo, le
cose sue che non arrivano
a sedici anni contati
come semi. Alessia ragazza
prega la Vergine di non
incinta essere rimasta
(non sono stati molto
attenti). Ed ecco il rosso
della grazia tra le cosce
e Alessia telefona a Giovanni.
E lui le dice: sono contento
Ale, comunque il bambino
sarebbe nato e l’avrei
riconosciuto. A Pasqua
andiamo a Capri!!!
Piange Alessia di gioia.
*
Raffaele Piazza

1 commento:

  1. Alessia in attesa della Pasqua, ma preoccupata per le sue cose che tardano. Prega, e infine trae un sospiro di sollievo, e lo comunica al ragazzo. Cose che tra ragazzi sono di ordinaria amministrazione.

    RispondiElimina