martedì 20 aprile 2021

SEGNALAZIONE VOLUMI = FILIPPO RAVIZZA


***Filippo Ravizza – Nel tremore degli anni---puntoacapo Editrice – Pasturana (AL) – 2020 – pag. 61 - € 10,00
Nel tremore degli anni presenta una prefazione di Gianmarco Gaspari, una postfazione di Giuliana Nuvoli intitolata La spinosa verità del nulla e una nota di Ivan Fedeli.
Il testo non è scandito e per la sua unitarietà stilistica e contenutistica potrebbe essere considerato un poemetto.
Una vena gnomica, assertiva e riflessiva pare essere la cifra distintiva di questa scrittura del tutto antilirica e anti elegiaca, un ripiegarsi su sé stesso dell’io-poetante nel suo riflettere sulla caducità delle cose per arrivare a una concezione della vita che sfiora il nichilismo in un pessimismo cosmico e personale anche, paragonabile vagamente a quello leopardiano.
Prevale a livello formale la scrittura dei versi in tessuti linguistici in lunga e interrotta sequenza che ha qualcosa di barocco e di liberty. E proprio rispetto a quanto suddetto la poesia diventa salvifica e liberatoria per Ravizza nell’intravedere uno spiraglio di luce nelle cose quando non mancano nemmeno attimi di inaspettata felicità e tensione verso l’essere quando il poeta afferma che è dolce la carezza delle cose e tutto in fondo abbraccia questi capelli bianchi, questi occhiali, queste teste occidentali ritrovandosi nella categoria della dolcezza e del riscatto (non è del tutto inutile vivere). Il tema del nulla si ricollega necessariamente a quello del tempo, tempo che è tiranno ed è limitato per l’arco di qualsiasi vita e che come avverte il poeta viene scandito attraverso le generazioni che sono perdute perché alla resa dei conti nulla resta.
Nei versi prevale la chiarezza e il poeta, pur nel dolore per un’esistenza che dà scacco, non si geme mai addosso nel sublimare la perdita e la desolazione con un procedimento cosciente perché alla fine svaniranno i baci belli e le carezze date ai figli con amore sincero.
La poetica del Nostro pare trovare la sua antitesi in quella del poeta Antonio Riccardi, autore della raccolta Il profitto domestico, nella quale non a caso si sa rendere efficacemente un senso di fiducia nella vita proprio attraverso il tranquillo trasmigrare delle generazioni l’una nell’altra con profitto che è sotteso a gioia di vivere oltre ad essere qualcosa che riguarda anche gli aspetti materiali dell’esistenza.
Invece qui come dal titolo gli anni tremano e si sente un forte senso di precarietà che trova il suo simbolo nelle plumbee pareti del limite. Se gli anni tremano, tremano anche le persone sotto specie umana e non c’è salvezza nell’attimo anche se da quel nulla pare sporgere fuori qualche tonalità dell’essere quando in qualche immagine scabra ed essenziale si coglie una diafana speranza attraverso una natura bella che pervade i dettati sempre efficacemente controllati e mai debordanti. E si viene a creare per il lettore un senso di onirismo purgatoriale che pervade ed emoziona nell’entrare in una dimensione di dissolvenza e sospensione che ha qualcosa di fortemente visionario. La scrittura quindi diviene un esercizio di conoscenza tout-court in una filosofia che tende all’essenza delle cose non lontana dall’esistenzialismo.
*
RAFFAELE PIAZZA

Nessun commento:

Posta un commento